Accedi

img2Per gli studiosi di storia della danza, il termine Rumba indica qualcosa di più che un semplice ballo: identifica un genere musicale e coreico comprensivo di un insieme di balli.
Nella lingua spagnola il verbo "Rumbear" definisce un particolare modo di ballare, basato sui movimenti seducenti dei fianchi e del bacino.
L' origine della rumba è collocabile agli inizi del 1900 a Cuba, dopo l' abolizione della schiavitù, avvenuta il 10 febbraio 1878. Grandi masse di negri lasciarono i campi, dove non possedevano alcun bene, e si trasferirono nelle periferie delle città per organizzare una nuova vita.
Per questa gente, povera ma libera, la musica e la danza diventarono ben presto un modo di essere e di vivere. Gli ex-schiavi non possedevano strumenti musicali.

Per la produzione dei ritmi usavano di tutto:
Maracas (zucche svuotate, con sassolini dentro)
Marimba (rumba box: strumento di percussione)
Claves (due bastoncini di legno percossi l' uno contro l' altro)
Cassoni vuoti che fungevano da tamburi