Accedi

La danza classica è una danza d' école (scuola) basata sul principio fondamentale
dell' en dehors (in fuori/verso l' esterno).
Utilizzando l' en dehors le gambe devono mostrare al pubblico la loro parte interna e per fare questo la coscia deve ruotare all'esterno di 90° rispetto all' asse del corpo.
Si raggiunge più facilmente l' en dehors, che equivale alla rotazione del femore verso l' esterno, stringendo i muscoli che formano la cintura addominale e i glutei e mantenendo la colonna vertebrale eretta.

La testa deve essere in linea sulla stessa verticale dei piedi, in posizione naturale. L' en dehors non è una semplice convenzione, ma è necessario per dare agli arti inferiori del danzatore libertà di movimento in ogni direzione, permettendo alla testa del femore di ruotare liberamente e completamente nel suo acetabolo. La posizione si ottiene dopo anni di studio ed è legata alla conformazione fisica di ogni danzatore. Un buon en dehors si ottiene eseguendo particolari esercizi studiati apposta per ruotare la coscia al massimo verso l' esterno, e quindi per un verso rafforzando i muscoli rotatori della coscia e per l' altro aumentando la flessibilità dei tendini dell' anca. Inoltre è fondamentale la postura del busto, che deve essere sempre eretto e allungato verso l' alto. Le spalle devono essere tenute abbassate e aperte, il collo sostenuto in allungamento; per le scapole, esistono almeno due filoni di pensiero: uno le vuole appiattite alla schiena e l' altro le utilizza in modo dinamico. E' importante posizionare la linea delle spalle sempre in linea con in fianchi, con i muscoli addominali contratti, il bacino in retroversione e un costante mantenimento dell' en-dehors delle cosce; questa posizione, che può sembrare innaturale, è però necessaria a mantenere la linea e l' equilibrio del ballerino durante le evoluzioni.


img3La sala dove si eseguono gli esercizi di danza è caratterizzata dal parquet di legno, dallo specchio che serve principalmente per controllare meglio i propri movimenti e dalla sbarra dove i ballerini eseguono la loro lezione. Infatti, secondo la tecnica accademica, la lezione di danza inizia con questo tipo di esercizio, dove vengono eseguiti quei movimenti che rendono flessibili le giunture, allungano e rafforzano i muscoli, perfezionano l' equilibrio.

Nella seconda parte poi si eseguono eserciziau milieu (al centro) si affrontano combinazioni di passi senza l' aiuto della sbarra: port de bras, adagio, pirouettes, per le donne punte e virtuosismi, ed infine l' allegro (i salti). La lezione viene chiusa per tradizione con l' esecuzione da parte degli allievi della révérence (inchino) rivolta all' insegnante.


Tutte le posizioni vengono eseguite con le gambe tese, i glutei contratti, il petto rilassato non in fuori, gli addominali tenuti e le caviglie sostenute.

Le sei posizioni di base sono:

Prima posizione

I piedi ruotati en dehors sono allineati fra loro con le punte rivolte lateralmente, con le gambe ben tese, ginocchia e talloni uniti.

Seconda posizione

Come la prima posizione, ma i piedi sono distanziati fra loro da uno spazio equivalente alla lunghezza di un piede.

Terza posizione

I piedi mantengono la rotazione delle posizioni precedenti, e si posizionano in modo da far toccare i talloni fra di loro, uno di fronte all' altro. La posizione si dirà destra o sinistra a seconda del piede che sta davanti.

Quarta posizione

E' un approfondimento dell' incrocio fra le gambe della posizione che precede: i piedi si posizionano uno di fronte all' altro, con il tallone del piede avanti in linea con la punta di quello dietro. La posizione si dirà destra o sinistra a seconda del piede avanti.

Quinta posizione

Come la quarta posizione, tenendo i piedi uniti, senza distanza tra loro. La posizione si dirà destra o sinistra a seconda del piede avanti.

Sesta posizione

I piedi sono paralleli, uniti, non si ha en dehors. Questa posizione si chiama anche prima posizione parallela. La settima posizione o seconda parallela non è altro che una seconda senza en dehors, con le gambe parallele. La prima e la seconda posizione parallela sono posizioni di comodità che servono solo per il riscaldamento (solo ad alcuni insegnanti) ma che sono state usate per anche da taluni coreografi neo-classici, in seno a sequenze classiche, per creare un contrasto stilistico con i passi en dehors (Lifar, Balanchine). La terza posizione è stata ormai abolita in scena e viene usata nella pratica del balletto solo come introduzione alla quinta posizione e quindi nei primi anni di studio. Essendo una posizione abbastanza naturale, è quella che veniva usata nelle danze barocche, le quali non conoscevano la quinta, cioè il forzoso incrocio delle gambe al massimo dell' en dehors.
La quinta posizione venne infatti introdotta solo nel settecento, nel periodo in cui si iniziò a sviluppare l' aspetto tecnico e virtuosistico della danza accademica, che con il tempo si è avvicinato sempre di più alla vera e propria acrobazia.


Le posizioni delle braccia Le braccia devono essere ben sostenute, con le mani morbide e le dita raccolte in modo che l' indice si trovi leggermente più avanti di tutte le altre dita mentre il pollice va tenuto all' interno della mano, verso il palmo. In tutte le posizioni le braccia devono avere una forma circolare. La numerazione delle posizioni cambia secondo il metodo seguito. L' elenco seguente è quello adottato dal Metodo Cecchetti, cui si rifanno sotto questo profilo anche il Metodo Balanchine e quello Bournonville:

Bras Bas (o "Preparazione")

Le braccia assumono una forma arrotondata lungo i fianchi, appena davanti al busto. I palmi sono morbidamente rivolti verso l' alto come se dovessero sostenere due mandarini. Nel metodo Vaganova, questa posizione si chiama Préparation. Nel metodo Cecchetti si chiama anche Quinta en bas Nel metodo Bournonville, così come in quello Balanchine, le mani vengono tenute più discoste dal corpo, per cui la posizione risulta più larga.

Prima posizione

Le braccia assumono una forma circolare e vengono tenute davanti al corpo, con le mani a poca distanza una dall' altra, all' altezza delle ultime costole. Questa posizione è comune ai tre metodi. Nel metodo Cecchetti viene anche denominata quinta en avant.

Seconda posizione

Le braccia sono allungate verso l' esterno mantenendo l' altezza della prima posizione. A differenza di quanto si crede, le braccia non vanno alzate né aperte eccessivamente. Qui è come se le braccia mantenessero un grande vassoio: il gomito va leggermente arrotondato e va sempre tenuto più basso delle spalle, come a creare una linea discendente spalla-gomito-polso. Importante: le braccia non devono essere allineate lateralmente al corpo ma tenute leggermente più avanti, per mantenere un maggiore controllo dell' assetto del busto e delle braccia stesse. Anche questa denominazione è comune ai tre metodi.

Terza posizione

Un braccio è in prima posizione, l' altro braccio è in seconda posizione. Nel metodo Vaganova, questa posizione è chiamata Piccola posa.

Quarta posizione

Un braccio è sopra la testa in quinta posizione, mentre l' altro braccio è allungato verso uno dei due lati del corpo in seconda posizione. Nel metodo Vaganova, questa posizione si chiama Grande posa.

Quarta Incrociata

Un braccio è in quinta posizione, l' altro braccio è in prima posizione.

Quinta posizione

Entrambe le braccia sono arrotondate ma allungate verso l' alto, ad "incorniciare" la testa. Nel metodo Vaganova, questa posizione viene denominata Terza posizione.

Fonte: Wikipedia